Angina pectoris

mag142008

Sui trigliceridi non c’è concordia

I risultati di uno studio presentato al 77° congresso della European Atherosclerosis Society rimettono in discussione il principio che nel paziente cardiopatico trattato con statine sia sempre benefico mirare ad abbassare la trigliceride mia. Lo studio,...
transparent

lug232007

L’angina migliora con gli ormoni

Cardiopatia ischemica Una nuova combinazione estroprogestinica migliora la riserva perfusionale miocardica nelle donne in età postmenopausale con angina. Recenti studi clinici hanno sollevato preoccupazioni sul possibile aumento del rischio cardiovascolare...
transparent

mag32007

Nitrati organici producono disfunzioni endoteliali nell’uomo

Il trattamento giornaliero con nitrati organici, agenti comunemente usati per l’angina pectoris, può causare disfunzioni endoteliali nell’uomo, ma il trattamento antiossidante con vitamina C previene questo effetto. Precedenti studi avevano...
transparent

mag32007

Coronaropatie stabili: PCI non superiore a farmacoterapia ottimale in prevenzione eventi

La PCI con stenting unita ad una farmacoterapia ottimale non risulta superiore alla sola farmacoterapia ottimale nella prevenzione di eventi cardiaci in pazienti con coronaropatie stabili. Ciò alimenta la polemica contro l’abuso dello stenting...
transparent

mag32007

Olio di pesce aggiunto alle statine riduce rischio eventi coronarici maggiori

L’aggiunta di acido eicosapentaenoico (EPA) ad una terapia statinica a basse dosi riduce significativamente l’incidenza di eventi coronarici maggiori, principalmente a causa di una riduzione dell’angina instabile, rispetto alla sola terapia...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi