Alimentazione enterale

Fumo e alcol allungano la durata dell’alimentazione enterale

mar242015

Fumo e alcol allungano la durata dell’alimentazione enterale

Il fumo e gli alcolici sono fattori di rischio per l'uso prolungato di una sonda gastrostomica da nutrizione enterale nei pazienti con neoplasie di testa e collo sottoposti a radioterapia o chemioradioterapia, secondo uno studio pubblicato su Jama otolaryngology-head...
transparent

mar122014

Aumentare le calorie per rallentare la Sla

Una dieta ipercalorica enterale è sicura e ben tollerata nei pazienti con sclerosi laterale amiotrofica (Sla) e potrebbe anche ritardare la progressione della malattia. Sono questi i risultati preliminari di uno studio pubblicato su The Lancet da Anne-Marie...
transparent

dic102012

In ricovero, nutrizione parenterale migliora esito clinico

Una integrazione energetica individualizzata tramite supplementazione parenterale dopo 4 giorni di ricovero in unità di terapia intensiva (Uti) può ridurre le infezioni nosocomiali e andrebbe considerata quale strategia per migliorare l'esito clinico...
transparent

giu112012

Insufficienza intestinale, ridurre la nutrizione enterale

I bambini colpiti da insufficienza intestinale (If) soffrono tuttora di elevati tassi di morbilità e mortalità. L'autonomia enterica può richiedere anni prima di essere raggiunta. Solo un miglioramento della gestione chirurgica potrebbe ridurre i temi...
transparent

ott182011

Danno acuto polmonare: antiossidanti e omega-3 sono da evitare

I pazienti con danno acuto polmonare non traggono benefici dalla supplementazione quotidiana di antiossidanti, acido gamma-linolenico e acidi grassi Omega-3 che, anzi, potrebbero essere addirittura dannosi. È il risultato dello studio Omega, un trial...
transparent

lug132011

Fp Cgil: il Ddl sul biotestamento stravolge l’atto medico

La legge sul biotestamento in votazione alla Camera stravolge l’atto medico ed è contro alle volontà anticipate del paziente. A lanciare la denuncia Massimo Cozza, segretario nazionale Fp Cgil Medici.
transparent

apr162009

Demenza avanzata: inutile nutrizione enterale

Neurologia-demenze Nonostante il fatto che un terzo dei pazienti con demenza grave riceva nutrizione con tubo enterale, non vi sono prove del fatto che questa pratica prolunghi la sopravvivenza o migliori la qualità della vita. Alcuni studi di fatto...
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>