Adenocarcinoma

mar302012

Infezioni da trematodi in forte crescita

Tre studiosi dell’Università di Basilea hanno effettuato una revisione sistematica della letteratura per verificare la diffusione delle infezioni da trematodi attraverso l’alimentazione e riferiscono che si tratta di malattie trascurate ma di alto impatto
transparent

mar72012

Endometriosi: più rischio di alcuni sottotipi di ca ovarico

«I clinici dovrebbero essere consapevoli dell’aumentato rischio assunto da alcune tipologie di tumore ovarico nelle donne affette da endometriosi e i ricercatori dovranno cercare di comprendere i meccanismi che portano alla trasformazione maligna delle...
transparent

feb72012

Epatite B occulta legata a maggiore rischio di Hcc

Una meta-analisi delle evidenze scientifiche pubblicate in letteratura, effettuata da un gruppo di ricercatori cinesi guidati da Yu Shi – dell'università Zhejiang a Hangzhou - avvalora l’ipotesi che l’epatite B (Hbv) occulta si associ a un aumento...
transparent

feb72012

Cancro renale, il diabete non è un fattore prognostico avverso

Sulla base della casistica di 1.604 pazienti con carcinoma a cellule renali e diabete mellito e di 157 soggetti con carcinoma ma senza diabete mellito, emerge che il tasso di progressione e quello di mortalità correlato al tumore sono statisticamente...
transparent

dic202011

Equivalenti i modelli di rischio neoplasie endometrio

Pur basandosi su criteri diversi, Defab e Dfab - due nuovi modelli predittivi utilizzati per valutare il rischio di cancro dell'endometrio nelle donne in postmenopausa con sanguinamento vaginale – sono ugualmente efficaci e possono essere impiegati in...
transparent

dic152011

Maggiore probabilità di colangiocarcinoma nei pazienti diabetici

Esiste una forte correlazione tra diabete mellito e rischio aumentato di colangiocarcinoma (Cc), sia intraepatico (Icc) sia extraepatico (Ecc). Il dato, già segnalato ma rimasto finora non chiarito, sembra ora confermato dai risultati di una metanalisi...
transparent

nov152011

Carcinoma renale a cellule chiare, Axitinib meglio di sorafenib

Axitinib, potente inibitore dei recettori Vegf (fattore di crescita dell'endotelio vascolare) di seconda generazione, ha dimostrato di determinare, in pazienti affetti da carcinoma avanzato a cellule renali, una sopravvivenza libera da progressione significativamente...
transparent

set142011

Conferma italiana per sorafenib nel carcinoma epatocellulare

In base agli esiti di uno studio osservazionale multicentrico italiano l'impiego di sorafenib contro il carcinoma epatocellulare (Hcc) risulta validato in termini di sicurezza, efficacia e applicabilità. L'efficacia del dimezzamento delle dosi può avere...
transparent

set72011

Approvazione europea per everolimus nei tumori neuroendocrini

La Commissione Europea ha approvato l’impiego di everolimus (Afinitor) di Novartis per il trattamento degli adulti con tumori neuroendocini (Net) in fase progressiva di origine pancreatica, non resecabili o metastatici, bene o discretamente differenziati
transparent

lug282011

Epatocarcinoma, tecniche ablative efficaci con costi distanti

Nei pazienti con carcinoma epatocellulare, l'iniezione di etanolo per via percutanea e l'ablazione con radiofrequenza mostrano una sopravvivenza sovrapponibile a 5 anni. Ma la fattibilità non è la stessa per le due procedure. L'iniezione di etanolo...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community