Acido ascorbico

apr82022

Possibile legame tra vitamina C e deterioramento cognitivo tra gli anziani in ospedale

Nei pazienti anziani ricoverati in ospedale la carenza di vitamina C si associa a deterioramento cognitivo. È quanto emerge da uno studio australiano, secondo cui la carenza della vitamina si associa a una probabilità più alta di quasi 3...
transparent
Covid-19, zinco gluconato e acido ascorbico non migliorano la gestione dei sintomi

feb232021

Covid-19, zinco gluconato e acido ascorbico non migliorano la gestione dei sintomi

In pazienti con diagnosi di infezione da Sars-CoV-2 gestiti in ambulatorio, il trattamento con alte dosi di zinco gluconato , acido ascorbico , o una combinazione dei due integratori, non ha ridotto significativamente la durata dei sintomi rispetto...
transparent

dic22010

Le vitamine C ed E non riducono il rischio di cataratta

Non emerge alcuna ragione scientificamente provata che giustifichi l’assunzione a lungo termine di vitamine E e C per la prevenzione della cataratta correlata all'età. È questo il dato che scaturisce da uno studio randomizzato, placebo-controllato, condotto...
transparent

set302008

Vitamina C previene gotta

Endocrinologia-acido urico e gotta Sussiste un’associazione inversa fra l’assunzione di vitamina C e la concentrazione di acido urico nel sesso maschile. L’iperuricemia è considerata un precursore della gotta, che è la più...
transparent

lug212008

Cardioversione a rischio con CRP elevata

Cardiologia-aritmie I pazienti con fibrillazione atriale persistente che presentano anche elevati livelli di CRP hanno meno probabilità di successo con la cardioversione. La misurazione del CRP prima della cardioversione elettrica potrebbe dunque...
transparent

feb272008

TBC, nella vitamina E un complice insospettato

Pneumologia-infezioni polmonari e TBC La combinazione dell’integrazione della vitamina E ed elevati livelli di vitamina C nella dieta aumenta il rischio di TBC nei fumatori di mezza età. La vitamina E è un integratore alimentare di largo...
transparent

feb212007

Iperplasia prostatica benigna: elevato apporto verdure diminuisce il rischio

Urologia Gli uomini che assumono molte verdure, ed in particolare quelle ricche in beta-carotene, presentano una riduzione del rischio di iperplasia prostatica benigna. I nutrienti con proprietà antiossidanti o che influenzano crescita o differenziazione...
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi