Acidi salicilici

apr202011

Prevenzione primaria nei diabetici con Asa: i pro e i contro

Nei pazienti con diabete mellito senza pregressa malattia cardiovascolare, il trattamento con acido acetilsalicilico (Asa) riduce il rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori (Mace), ma nel contempo determina la tendenza verso tassi più elevati...
transparent

apr142011

Luci e ombre sulla tripla antitrombotica post-stent coronarico

La tripla terapia antitrombotica nei pazienti sottoposti a impianto di stent coronarico ha il pregio di ridurre il rischio di ictus ischemico, ma ha il difetto di aumentare quello di sanguinamento maggiore. Lo affermano Fei Gao e collaboratori dell'università...
transparent

mar222011

Apixaban: una alternativa alla TAO nei Pazienti con FA

Sostenuto da un finanziamento della Bristol-Myers Squibb e della Pfizer è stato realizzato uno studio randomizzato in doppio cieco allo scopo di verificare se il trattamento con apixaban - un inibitore del fattore Xa – fosse di efficacia superiore all’ASA...
transparent

mar92011

Il fallimento dell'aspirina identifica il paziente ad alto rischio

Il fallimento dell’aspirina, definito dal presentarsi di una sindrome coronarica acuta nonostante l’uso della stessa, è stato associato ad un maggior rischio cardiovascolare e ad una peggiore prognosi. Se questo fenomeno sia la manifestazione delle caratteristiche...
transparent

mar92011

Terapia antiaggregante: la reattività piastrinica come nuovo target di terapia personalizzata

Nei pazienti sottoposti ad angioplastica coronarica la doppia antiaggregazione piastrinica con aspirina e clopidogrel rappresenta la terapia di scelta per la prevenzione della trombosi dei vasi trattati e degli eventi ischemici successivi. Permangono...
transparent

mar32011

Quando usare un Ppi nei pazienti in profilassi con Asa

Nei soggetti over-45 con un rischio di malattia coronarica (Chd) del 10% a 10 anni il trattamento con acido acetilsalicilico (Asa) ai fini preventivi è meno costoso e più efficace rispetto alla decisione di non praticare alcun trattamento. L'aggiunta...
transparent

feb252011

Fa: rischio ictus ridotto con apixaban

Nei pazienti con fibrillazione atriale non candidabili alla terapia con antagonisti della vitamina K come il warfarin, l’impiego di apixaban (inibitore del fattore Xa)  riduce il rischio di ictus o embolia sistemica in modo statisticamente superiore...
transparent

feb222011

Triplice terapia antiaggregante con Cilostazolo nei pazienti con stent coronarico medicato

Per verificare se il Cilostazolo avesse aggiuntivi e benefici effetti nei pazienti che avevano ricevuto uno stent coronarico medicato (DES), un gruppo di cardiologi coreani ha realizzato uno studio multicentrico, che ha arruolato 960 pazienti randomizzati...
transparent

feb142011

Mieloma multiplo: con talidomide quale tromboprofilassi?

L'impiego di acido acetilsalicilico (Asa) e di warfarin (War) ha un'efficacia simile a quello dell’eparina a basso peso molecolare (Lmwh) nel ridurre gravi eventi tromboembolici, eventi cardiovascolari acuti e morti improvvise nei pazienti con mieloma...
transparent

feb92011

Aggiornamento 2011 Linee Guida ACCF/AHA/HRS sulla FA: che cosa cambia

Questo aggiornamento compare a distanza di quasi 5 anni dalle LG precedenti (2006), allora pubblicate insieme alla Società Europea di Cardiologia. Dopo la recente riproposizione ESC, l’update ACCF/AHA/HRS riprende solo alcuni punti, sulla base dei principali...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>